Informativa sulla privacy

La presente informativa è resa ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE n.2016/279 (GDPR)  sul trattamento dei dati personali degli utenti che consultano e interagiscono con il sito web dell’Unione Italiana Tiro a Segno, e i relativi servizi (es. navigazione informativa nelle pagine del sito, richieste di informazioni tramite mail o da altri recapiti forniti, compilazioni di moduli, richieste di accesso ad aree riservate, ecc.). Si prega di prendere visione dell’informativa e accettarne le condizioni.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
SPORTIVA

Concluse le Paralimpiadi di Tokyo 2020

Conclusi a Tokyo i Giochi Paralimpici 2020. Un'edizione straordinaria per l'Italia che ha visto trionfare Andrea Liverani, artefice di una bella performance nella specialità R9 che gli ha consentito di conquistare il bronzo paralimpico. "Siamo partiti per questa avventura con tante aspettative" - ha commentato il Commissario Straordinario UITS Igino Rugiero - "forti dell'esperienza e del talento dei nostri 4 atleti qualificati e del lavoro svolto insieme a loro con lo staff tecnico nei mesi precedenti, carattterizzati da mille difficoltà a causa della pandemia che stiamo vivendo da oltre un anno e mezzo. Avendo vissuto poco prima le Olimpiadi avevo preparato i nostri ragazzi alla vigilia della partenza al clima che avrebbero trovato a Tokyo, certamente un edizione diversa rispetto alle precedenti. Ciò nonostante credo sia stata un esperienza meravigliosa per tutti loro, i risultati sono stati soddisfacenti e indipendentemente dai posti in classifica conquistati hanno dimostrato di essere tutti molto determinati e competitivi. Sicuramente in futuro lo staff avrà modo di correggere alcuni aspetti tecnici, ad esempio investendo maggiormente nel settore delle pistole dove sicuramente ci sono molti altri talenti che potrebbero crescere negli anni a venire. Ringrazio ancora Giuseppe Ugherani, Ofir Goldstein e Gianpaolo Pelizzari per la passione e la dedizione con la quale hanno seguito la squadra paralimpica in questi anni. Ma soprattutto mi complimento con Andrea - il nostro bronzo paralimpico - Jacopo, Nadia e Pamela per il loro impegno e faccio loro i miei migliori auguri per un futuro sportivo ricco di soddisfazioni".