Informativa sulla privacy

La presente informativa è resa ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE n.2016/279 (GDPR)  sul trattamento dei dati personali degli utenti che consultano e interagiscono con il sito web dell’Unione Italiana Tiro a Segno, e i relativi servizi (es. navigazione informativa nelle pagine del sito, richieste di informazioni tramite mail o da altri recapiti forniti, compilazioni di moduli, richieste di accesso ad aree riservate, ecc.). Si prega di prendere visione dell’informativa e accettarne le condizioni.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
ISTITUZIONALE

DL Cura Italia

È stato pubblicato questa mattina nella Gazzetta Ufficiale il Decreto Legge 17 marzo 2020, n. 18, recante “Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19” (c.d. “Cura Italia”).

Il decreto contiene le prime misure economiche volte a combattere l’emergenza coronavirus: la manovra mette in campo immediatamente circa 25 miliardi di euro con l’obiettivo di mobilitare 350 miliardi di finanziamenti complessivi, dando un sostegno alla liquidità per famiglie, imprese e lavoratori.

Per facilitare la comprensione del contenuto del decreto riguardo l’attività degli operatori del sistema sportivo, Sport e Salute ha predisposto una prima sintesi delle misure previste che trovate in allegato e scaricabile sul sito www.sportesalute.eu

DL Cura Italia

A tal proposito si sottolinea che all'art.103 il Governo ha introdotto la sospensione dei termini per la conclusione dei procedimenti amministrativi, prevedendo oltretutto che tutti i certificati, i permessi, le concessioni, le autorizzazioni e gli atti abilitativi in genere (categorie in cui rientra il patentino di frequenza per le guardie giurate e le polizie locali) in scadenza al 31 gennaio conservino la loro validità sino al 15 giugno 2020.

A maggior ragione la sospensione delle attività formative (inclusa la cosiddetta attività istituzionale) adottata dalla UITS  rimane in atto ed è in linea e rafforza quanto precedentemente previsto dai DPCM del 8.32020 e del 9.3.2020.