Informativa sulla privacy

La presente informativa è resa ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE n.2016/279 (GDPR)  sul trattamento dei dati personali degli utenti che consultano e interagiscono con il sito web dell’Unione Italiana Tiro a Segno, e i relativi servizi (es. navigazione informativa nelle pagine del sito, richieste di informazioni tramite mail o da altri recapiti forniti, compilazioni di moduli, richieste di accesso ad aree riservate, ecc.). Si prega di prendere visione dell’informativa e accettarne le condizioni.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
SPORTIVA

Comunicato ufficiale del Commissario Straordinario UITS Igino Rugiero

Cari Presidenti e cari amici e amiche del Tiro a Segno,

ho casualmente ricevuto una copia di una lettera firmata dai Signori Novaro, Brogli, Billi, Tartaglione e Leonardi, alla maggior parte di Voi indirizzata in cui si esprimono delle considerazioni conseguenti alle ultime conclusioni che il TAR ha comunicato al termine della udienza del 7 aprile u.s.

A riguardo, sempre nel rispetto delle determinazioni del Tribunale Amministrativo Regionale, sento il dovere di fare delle mie personali semplici precisazioni che ritengo utili e che credo molti di Voi avranno piacere di ricevere per meglio valutare lo stato dei fatti:

  1. Come da me comunicato fin dai primi giorni dal mio insediamento in qualità di Commissario Straordinario della UITS, il termine per l’indizione della assemblea elettiva è sempre stato la mia priorità ma, conseguente solo alla approvazione del nuovo Statuto nazionale dell’Unione da parte dei Ministeri vigilanti. Infatti, come a tutti Voi noto perché da me pubblicato ultimamente, al termine dei 15 giorni previsti dalla data della firma dello Statuto per considerarlo approvato, ho prontamente deliberato l’indizione della Assemblea elettiva (copia dello Statuto e della delibera allegate al comunicato per tenerVi sempre a conoscenza delle determinazioni adottate).
  2. Gli uffici della UITS, in ottemperanza a quanto determinato nella delibera di indizione, stanno già lavorando per assicurare che tutto sia proceduralmente ineccepibile per il regolare svolgimento delle operazioni di voto. Per cui, come già riportato in delibera, l’assemblea elettiva sarà convocata nei termini statuari di 60 giorni prima di una delle due date già ipotizzate, che sono quella del 26 giugno o del 3 luglio 2021 (quindi non è difficile arrivarci, basta fare i conti). Di ciò, logicamente, ne sono già informati i Ministeri vigilanti ed il CONI e come sempre lo parteciperemo anche al Giudice del TAR  perché possa tenerne conto alla udienza del 18 maggio p.v.

I due punti sopra li ho voluti ricordare, anche se sono certo che ai più attenti di Voi non sarà sfuggito, solo per sottolineare che quanto sta finalmente accadendo non è certo da considerarsi un “risultato dell’iniziativa intrapresa la scorsa estate da 185 Presidenti nonché dalla determinazione di 87 di loro che hanno ritenuto di ricorrere al TAR per far riaffermare la centralità dell’Assemblea delle Sezioni TSN”……….ma è solo frutto di un lavoro portato avanti da me, in collaborazione con il bravo Walter de Giusti e tutto lo Staff della UITS, e che è espressione della volontà del Ministero delle Difesa e del CONI, come ben descritto nei compiti a me assegnati nei due decreti di nomina e di riconferma nel ruolo di Commissario Straordinario.

Vorrei ora porgerVi come sempre il mio più cordiale saluto, ma non prima di ripetere ancora una volta che l’Unione Italiana Tiro a Segno non potrà mai essere considerata UNITA se si continua ad essere DISUNITI tra Noi, se si continua ad andare avanti a colpi di carta bollata, Avvocati, ricorsi, interrogazioni Parlamentari. Iniziamo a guardare al futuro con una diversa mentalità più leale, più coesa, più sincera, più condivisa, più attuale, più dinamica, più FATTI e meno PAROLE!

Su una cosa però concordo con quanto raccomandato nella lettera in argomento e riferito a quanti di Voi dovranno recarsi a votare per eleggere il nuovo Presidente……cioè “rimanere vigili, guardiani attivi e attenti…….ad evitare di portare ai vertici della UITS personaggi estranei al nostro mondo”. Ecco, allora mi permetto di dare anche io un suggerimento, il prossimo Presidente della UITS, dovrà prima di tutto, come da sempre tutti Voi mi chiedete ad alta voce, garantire una guida certa ed una continuità di gestione senza correre il rischio che, per motivi a tutti ormai ben noti, si possa andare incontro ad eventuali altre motivazioni per un  ulteriore commissariamento dell’Ente……e qui allora, dovesse riaccadere, non certo potrete accusare me di non averVi informato e quindi di non averVi messo nelle migliori condizioni per fare la Vostra scelta.

Il nuovo Presidente dovrà ancor di più, finalmente, preoccuparsi di impegnare i fondi dell’Unione con la massima trasparenza per gli interessi del Tiro a Segno, per l’ammodernamento delle Sezioni TSN, per la promozione e l’avvicinamento dei giovani al nostro Sport olimpico e paralimpico e per tante altre cose che per brevità potremmo continuare a definire in altre sedi o momenti più opportuni approfittando delle mie prossime visite già programmate in alcune regioni o comunque chiamandomi personalmente sul mio portatile o tramite segreteria UITS……..e comunque sono convinto che non necessariamente bisogna etichettare con il termine “estraneo” chi da poco si è avvicinato al “nostro mondo”, a volte è molto più “estraneo” di quanto non voglia far vedere colui che già appartiene da tempo al “nostro mondo”.

L’ho detto già in più occasioni che mi avrebbe fatto molto più piacere, e credo avrebbe fatto piacere anche a Voi, se avessi potuto spendere i Vostri soldi a favore di quanto detto sopra e non, come molto spesso accade, di impegnarli per pagare le laute parcelle di Avvocati per affrontare le continue e a volte inutili controversie giuridiche che potrebbero risolversi diversamente in modo più pacifico e proficuo e soprattutto tenendo nel giusto conto le legittime posizioni di tutte le parti. 

Cari Presidenti, cari amici e amiche del Tiro a Segno, qui non ha vinto nessuno, e nessuno è più bravo di altri, quindi prima di arrivare alla sconfitta di tutti dedichiamoci a costruire insieme per una causa comune e non a distruggere…….sono certo che chi ama la UITS farà di tutto perché si possa tornare ad essere quella bella famiglia che tutti Noi vogliamo tornare ad essere…….e quindi sono ancora più certo che saprete scegliere chi secondo la Vostra coscienza saprà guidarVi verso il futuro che meritate.

Un caro saluto a tutti e buon lavoro

Igino Rugiero