Informativa sulla privacy

La presente informativa è resa ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE n.2016/279 (GDPR)  sul trattamento dei dati personali degli utenti che consultano e interagiscono con il sito web dell’Unione Italiana Tiro a Segno, e i relativi servizi (es. navigazione informativa nelle pagine del sito, richieste di informazioni tramite mail o da altri recapiti forniti, compilazioni di moduli, richieste di accesso ad aree riservate, ecc.). Si prega di prendere visione dell’informativa e accettarne le condizioni.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
SPORTIVA

Focus Sezioni UITS: Candela

Candela è un paese di neanche tremila anime, eppure i campioni d'Italia in carica del tiro a segno arrivano proprio da lì, dalla provincia di Foggia. Una straordinaria doppietta, quella centrata dalla Sezione TSN pugliese: Campionato Italiano per Società e Gran Premio Giovani, a cui si è aggiunto il Premio UITS. "Per noi, tutto questo è un sogno - racconta il presidente Domenico Flamia -. Non avremmo mai pensato di arrivare a questi livelli, anche se lo spirito è sempre stato quello di una famiglia. Siamo partiti che eravamo un gruppo di amici con spirito goliardico. Poi, anche grazie all'appoggio delle Amministrazioni locali, abbiamo fatto strada". E il fatto che Candela sia un centro abitato così piccolo, aiuta: "Ci conosciamo tutti, per questo le famiglie ci affidano i loro ragazzi, la cui attività è gratuita: i nostri investimenti sono dedicati allo sport, e tutti coloro che contribuiscono all'attività svolgono servizio di volontariato. I risultati ci stanno dando ragione, speriamo si possa continuare così". Lo scorso anno, dopo lo "scudetto" del tiro a segno, la Sezione TSN di Candela è stata celebrata da tutta la comunità, ricevendo anche le congratulazioni dalle altre sezioni pugliesi: "E anche per quest'anno - chiude Flamia - speriamo di ripeterci". Vittorie al poligono (con 15 atleti che fanno parte delle nazionali), ma anche un'altra data da ricordare, quella del 12 aprile 2018, giorno dell'inaugurazione del Museo Storico della Sezione di Candela (attiva sul territorio dal 1984), anche alla presenza del presidente del Coni, Giovanni Malagò.