Informativa sulla privacy

La presente informativa è resa ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE n.2016/279 (GDPR)  sul trattamento dei dati personali degli utenti che consultano e interagiscono con il sito web dell’Unione Italiana Tiro a Segno, e i relativi servizi (es. navigazione informativa nelle pagine del sito, richieste di informazioni tramite mail o da altri recapiti forniti, compilazioni di moduli, richieste di accesso ad aree riservate, ecc.). Si prega di prendere visione dell’informativa e accettarne le condizioni.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
SPORTIVA

Sharing the future: la nuova via italiana verso l’eccellenza sportiva

Nella giornata di sabato 27 ottobre “Sharing The Future” – il primo meeting che riunisce le squadre di due discipline olimpiche, Tiro a Segno e Tiro con l’arco – è entrato nel vivo. Questa prima edizione ha come obiettivo un approfondimento delle conoscenze comuni e la contaminazione tra atleti, tecnici e staff delle due federazioni a 360 gradi: informazioni sui materiali, sulla preparazione psicologica e sulla preparazione atletica, con l'intento di ottenere elementi utili per migliorare e gestire le prestazioni di alto livello agonistico e intraprendere un percorso che sia il più fruttuoso possibile in vista delle qualificazioni per i Giochi Olimpici di Tokyo 2020.

A portare avanti questo rivoluzionario progetto di "scambio interdisciplinare" i due Direttori Sportivi delle nazionali UITS e FITARCO, Valentina Turisini e Marco Berruto che, insieme al campione olimpico Niccolò Campriani e Federico Picca Orlandi – ex compagno di nazionale di tiro, Manager di HRC (Community Italiana delle Human Resource) – hanno ideato e promosso questa collaborazione sperimentale tra le due Federazioni. FITARCO e UITS hanno come denominatore comune la necessità di migliorare la tecnica di tiro a partire dall’attenzione alla performance mentale fino alla respirazione.

L’evento, ospitato dal poligono TSN di Bologna, ha visto oggi la partecipazione dello psicologo Giuseppe Vercelli e del medico e campione mondiale di apnea Mike Maric. Ad introdurre gli ospiti Federico Picca che ha guidato atleti e tecnici in questo viaggio.

Foto 1 Il dottor Giuseppe Vercelli ha parlato di S.F.E.R.A. (Sincronia, Forza, Energia, Ritmo ed Attivazione), un modello applicabile in tutti gli ambiti sportivi, ma non solo, grazie al quale è possibile analizzare e correggere le performance. Ha inoltre introdotto alcune tecniche utilizzate per superare alcuni condizionamenti in modo da migliorare la prestazione sportiva.

Foto 7 Nel pomeriggio è stata la volta di Mike Maric che ha sottolineato come attività fisica, riposo/recupero, alimentazione equilibrata e respirazione corretta siano elementi imprescindibili per migliorare una prestazione sportiva e di come una respirazione consapevole sia in grado di modulare la gestione dello stress. Gli atleti e i tecnici hanno potuto sperimentare la respirazione diaframmatica attraverso alcun test ed esercizi.  

Foto 4 Presente oggi anche il Commissario Straordinario UITS Francesco Soro: "apprezzo molto l'idea della contaminazione con l'apnea e con il TIro con l'arco" - ha commentato - "vedremo in futuro se questo incontro si rivelerà utile. Ringrazio il Presidente Mario Scarzella (Tiro con l'arco) ed il Presidente Ugo Claudio Matteoli (Pesca Sportiva ed Attività Subacque) che non è qui con noi oggi ma è presente tramite Carlo Allegrini (Presidente del settore agonistico Attività Subacquee). Ringrazio tutti voi atleti per la passione che dimostrate ogni giorno e i due direttori sportivi Valentina Turisini e Horst Geier nei quali credo molto".

Foto 5 Anche Allegrini ha voluto salutare i presenti:"il mio augurio è che tutto quello che possiamo fare per voi oggi possa essere utile. La condivisione è determinante, far fruttare ogni nozione che un'altra attività possa darvi in modo da poter migliore insieme".

Domani ultima giornata con un’ incursione sugli aspetti tecnologici dello SCATT e delle nuove frontiere di rilevazione del gesto tecnico delle due discipline senza trascurare i temi dell’autovalutazione, la riconduzione e il debriefing di questa intensa 3 giorni.  

Foto 2